Menu
Cerca
Un triste anniversario

E’ passato un anno dall’annuncio del lockdown: era il 9 marzo 2020

Lo aveva annunciato in diretta tv il'allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte

E’ passato un anno dall’annuncio del lockdown: era il 9 marzo 2020
Cronaca 09 Marzo 2021 ore 10:36

E’ passato un anno dall’annuncio del lockdown: era il 9 marzo 2020

Lockdown

Un anno fa, era il 9 marzo 2020, l’allora presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, annunciava il lockdown per l’Italia.

Cosa è successo

Da quel giorno tutti  abbiamo dovuto imparare a fare i conti con nuove restrizioni. L’Italia intera si è fermata  ed è cominciato l’incubo Coronavirus, che purtroppo è ancora ben presente.

Il Presidente del Consiglio, nella sua conferenza stampa in diretta tv aveva annunciato le chiusure con  l’hashtag iorestoacasa. Abbiamo iniziato a fare i conti con parole nuove e abitudini nuove, che ci hanno cambiato radicalmente la vita.

Con il passare delle giornate  abbiamo iniziato a seguire i dati del bollettino regionale dell’Unità di Crisi della Regione, che aggiornava sull’andamento dei contagi e dei decessi. Anche in questo caso purtroppo , giorno dopo giorno i numeri sono andati costantemente crescendo.

Le vie  e le strade delle nostre città si sono svuotate e, non solo in tv, ma anche direttamente sul  territorio, abbiamo iniziato a vedere le code davanti ai supermercati per fare la spesa, con gli ingressi contingentati, solo uno per famiglia.

Un altro termine con il quale tutti abbiamo iniziato a prendere confidenza è stato Dpcm. Il 10 marzo 2020 il Governo annunciava,  ed era una delle prime volte, che si potevano fare spostamenti solo se strettamente necessari.

Un altro giorno e arriva anche l’annuncio  di negozi ed attività chiusi in tutta Italia.

Nuove abitudini

Come detto, tutti abbiamo dovuto fare i conti con nuove abitudini. Anche solo un appuntamento tradizionale come quello di andare a messa, non è stato più possibile. E allora molti parroci si sono organizzati ed hanno iniziato a trasmettere la funzione domenicale online, attraverso i canali Facebook. I social, dunque, hanno sono diventati uno strumento importante per provare a tenere unita una comunità.

L’Italia, poi, ha iniziato ad essere tappezzata di messaggi e disegni  all’insegna del messaggio “Andrà tutto bene”: era tanta, all’epoca, la speranza che quella situazione d’emergenza che era cominciata potesse  terminare in fretta.  Anche  attraverso La Nuova Periferia abbiamo invitato i cittadini a mandarci i loro disegni, che poi abbiamo pubblicato, e tanti sono quelli che poi sono giunti.

Da Settimo alla collina, con il passare dei giorni si sono moltiplicati gli appelli lanciate dalle istituzioni ai cittadini a stare a casa

Con il susseguirsi delle giornate abbiamo dovuto fare i conti con la sospensione delle attività sportive e con l’introduzione del lavoro da casa.

I Comuni si sono organizzati attraverso la rete dei volontari per iniziare ad aiutare le famiglie in difficoltà e per stare vicini al territorio. A Castiglione sindaco e parroco, ad esempio hanno iniziato a girare, in sicurezza, per il paese, per salutare dalla strada le persone che si affacciavano dal balcone o dalla finestra.

Se l’anno scorso riuscire a trovare delle mascherine era un’impresa difficile, oggi tutti siamo ormai (quasi) abituati a girare “mascherati”, con la speranza che, con l’inizio ed il potenziamento delle vaccinazioni, presto davvero si possa uscire da questa emergenza, che ha visto l’Italia sfondare quota 100mila morti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli