Menu
Cerca
Castiglione Torinese

Troppi rischi con il passaggio dei mezzi pesanti sulla Sp122 è importante fare qualcosa prima che ci «scappi il morto»

I residenti ancora una volta sono tornati a sottolineare la necessità di trovare una soluzione

Troppi rischi con il passaggio dei mezzi pesanti sulla Sp122  è  importante  fare qualcosa prima che ci «scappi il morto»
Cronaca 15 Maggio 2021 ore 07:09

Troppi rischi con il passaggio dei mezzi pesanti sulla Sp122 è importante fare qualcosa prima che ci «scappi il morto»

Sp 122

Numerosi episodi anche recenti, come l’incidente avvenuto pochi giorni fa e che ha coinvolto un camion in transito nei pressi di via Caudana, continuano a richiamare l’attenzione sui rischi rappresentati dal traffico di mezzi pesanti sulla SP122, specialmente nei tratti urbani.

Il pericolo

I residenti ancora una volta sono tornati a sottolineare la necessità di trovare una soluzione adeguata in un’ottica di sicurezza, prima che davvero ci «scappi il morto».
Il Comune ha messo in atto le misure sinora possibili per il controllo del traffico, in prevenzione (i Velo OK) e in contrasto (la sorveglianza della polizia municipale, con l’erogazione di oltre un centinaio di contravvenzioni nell’ultimo anno).

I piani dell'Amministrazione

"In attesa di misure che risolvano il problema strutturalmente, quali ad esempio la realizzazione di un raccordo tra chierese e chivassese che dirotti il traffico dai centri abitati (la cosiddetta gronda o Tangenziale Est nelle sue varie ipotesi attuative) - puntualizza il sindaco Loris Lovera - l’Amministrazione continua, di concerto con gli altri Comuni del nostro territorio interessati al problema, a ricercare confronti produttivi con le istituzioni territoriali: la prefettura, per ottenere la messa in opera di sistemi di rilevazione automatica e permanente delle velocità, con maggiore effetto dissuasivo; la Città Metropolitana, cui fa capo la gestione del sistema viario delle provinciali, per capire come meglio gestire le direttrici di traffico, con eventuali divieti mirati di circolazione".
Lo snodo via Mario Caudana è certamente uno di quelli priorità per la viabilità, non solo di Castiglione. E’ chiaro però che il passaggio di mezzi pesanti di grossa rilevanza durante il giorno è un problema di primo piano, anche perché la grandezza della carreggiata allo stato attuale della situazione, non risulta essere certamente adeguata. E quello che è nuovamente successo la settimana scorsa ne è la dimostrazione.