Attualità
Settimo Torinese

Il trasporto pubblico interno si potenzia ancora: novità per le linee 1 e 2 del bus «Urbanino»

Rispetto al passato, sarà la linea 1 a registrare le modifiche più significative. La nuova tratta servirà la palazzina Siva in via Leini, dove fra qualche mese verrà inaugurato il MU-CH, il Museo della chimica.

Il trasporto pubblico interno si potenzia ancora: novità per le linee 1 e 2 del bus «Urbanino»
Attualità Settimo, 18 Settembre 2021 ore 08:28

Il trasporto pubblico interno si potenzia ancora: novità per le linee 1 e 2 del bus «Urbanino».

Trasporto pubblico

Da lunedì 13 settembre sono entrate  in vigore le nuove linee di trasporto pubblico comunale, le linee 1 e 2. Le novità prevedono un significativo aumento delle corse giornaliere dell'Urbanino (che passano da 5 a 15 sulla linea 1 e da 13 a 14 sulla linea 2) e una parziale modifica delle tratte, studiate per collegare, oltre ai punti di maggior interesse e utilizzo (mercati, ambulatori), anche i poli culturali della Città.

Le novità

La linea 1 e la linea 2 dell'Urbanino restano “circolari” e attive nei giorni feriali. Rispetto al passato, sarà la linea 1 a registrare le modifiche più significative. La nuova tratta servirà la palazzina Siva in via Leini, dove fra qualche mese verrà inaugurato il MU-CH, il Museo della chimica. Inoltre la linea percorrerà corso Piemonte fino alla rotonda del cimitero, mentre via Moglia sarà servita dalla linea 2. Il capolinea della linea 1 sarà spostato alla stazione, mentre quello della linea 2 sarà in via Lombardia

L'analisi

«L'Urbanino fornisce un servizio importante pensato per le categorie che più necessitano di trasporti pubblici, in particolare studenti e anziani – interviene l'assessore alla mobilità Alessandro Raso – Le navette sono gratuite: chiunque può salire senza biglietto per recarsi dove gli occorre. Le linee sono circolari e arrivano nei pressi dei principali servizi: l'asl, il Comune, la stazione, il cimitero, i mercati e i supermercati. La scelta di connettere anche Ecomuseo, Biblioteca e Siva, ovvero i tre principali poli culturali della Città, arricchisce il servizio e nasce, in prospettiva, per valorizzare il Museo della Chimica, una novità che renderemo accessibile a tutti: ai settimesi e a chi arriverà a Settimo da fuori, magari col treno (e potrà usare la navetta per l'ultimo tratto)».

Le novità non prevedono ulteriori costi da parte del Comune: la ridefinizione delle linee, infatti, è stata resa possibile dal risparmio ottenuto con la sostituzione della vecchia linea 3 con il nuovo bus GTT San Mauro-Settimo Cielo. Lo scorso luglio, l'introduzione della linea SM1 ha reso di fatto superflua la linea 3, che faceva in buona parte lo stesso percorso, e quindi i chilometri risparmiati sono stati “investiti” sull'aumento delle corse di linea 1 e 2.
«Nel complesso stiamo rendendo più efficiente il trasporto pubblico locale – conclude Raso – Abbiamo ancora del lavoro da fare, ad esempio sul miglioramento delle connessioni ferroviarie, o sul presidio per accelerare la connessione della Metro2 a Pescarito. Rispetto al trasporto su gomma, stiamo poi lavorando con l'Agenzia della mobilità a nuovi servizi autobus, sempre pensati in un ottica di incentivo alla mobilità sostenibile ed efficientamento. Potrebbero già partire entro fine anno».