Evento

Settimo si è messa "in gioco" e ha vinto

La manifestazione organizzata dall'associazione Terre Selvagge è tornata in scena dopo 12 anni di assenza

Settimo si è messa "in gioco" e ha vinto
Pubblicato:
Aggiornato:

Ottimo riscontro per l'appuntamento andato in scena sabato 4 e domenica 5 maggio alla biblioteca Archimede di Settimo Torinese.

Altre immagini e dettagli sul numero de La Nuova Periferia di Settimo in edicola fino al 13 maggio.

Il grande ritorno di "Settimo in gioco"

La manifestazione "Settimo in Gioco" organizzata dall'associazione Terre Selvagge e tornata in scena dopo 12 anni di assenza, non ha deluso le aspettative.

Una due giorni ricca di attività e giochi adatti a tutte le età, fra ludoteca, giochi da tavolo, miniature, dimostrazioni di giochi di ruolo, tornei, conferenze e tanto altro ancora. Un modo "per staccare un po’ i più giovani dal telefono e ritrovare tutti insieme un senso di comunità" aveva spiegato nel presentare l'evento il presidente di Settimo in Gioco Alessandro Buonocore.

Un evento realizzato con il prestigioso patrocinio di Play, il Festival del Gioco di Modena, ed è possibile grazie anche al contributo di alcuni main partner.

Ad accogliere tutti i partecipanti c'erano tanti volontari con la maglietta gialla. Non sono mancati ospiti illustri: dal game designer Andrea Chiarvesio a Stef Kiryan, scrittore e autore di podcast, passando per Adrian «Caleel» Rednic, per Andrea «il Rosso» Lucca, per lo psicologo digitale Dr. Simone Magno e per Dario Leccacorvi, fondatore della casa editrice Aristea che ha portato la demo di Rayn e altri GDR.

Durante l’evento è stato possibile scoprire Septimum XV: gioco di ruolo ambientato nella Settimo Torinese del XV secolo, creato da Alessandro Buonocore e Casimiro Catalano.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali