Verso il 14 settembre

Misurazione della febbre a scuola: la Regione introduce l’obbligo di verifica

Intanto, per sostenere  le scuole nell’acquisto di termometri e termoscanner la Regione Piemonte ha stanziato nei giorni scorsi 500 mila euro

Misurazione della febbre a scuola: la Regione introduce l’obbligo di verifica
Torino, 10 Settembre 2020 ore 10:42

Misurazione della febbre a scuola: la Regione introduce l’obbligo di verifica

Misurazione della febbre

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato nella giornata di ieri, mercoledì 9 settembre 2020, una nuova ordinanza che regolamenta la misurazione della temperatura agli studenti in vista della partenza dell’anno scolastico il 14 settembre. La responsabilità della rilevazione è stata affidata dal Governo alle singole famiglie, ma il Piemonte introduce per le scuole l’obbligo di verificarlo.

La direttiva regionale

La Regione raccomanda a tutti gli istituti di misurare la temperatura agli alunni prima dell’ingresso a scuola. Qualora l’istituto, per ragioni oggettive e comprovate, non fosse nelle condizioni di farlo, dovrà prevedere un meccanismo di verifica quotidiana (attraverso un’autocertificazione che potrà essere fornita sul registro elettronico, sul diario o su un apposito modulo) per controllare che la temperatura sia stata effettivamente misurata dalla famiglia. Nel caso in cui uno studente dovesse presentarsi senza tale autocertificazione, la scuola avrà l’obbligo di misurare la febbre per consentirne l’ingresso in classe. Intanto, per sostenere  le scuole nell’acquisto di termometri e termoscanner la Regione Piemonte ha stanziato nei giorni scorsi 500 mila euro.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità