Incontri

A Gassino una serata alla scoperta dell'Archivio Lovazzano

Appuntamento questa sera, mercoledì 31 gennaio, con la prima conferenza promossa da Unitre

A Gassino una serata alla scoperta dell'Archivio Lovazzano
Pubblicato:

"Un altro esempio di collaborazione tra realtà del territorio", così vengono presentate le prime due serate di una interessante serie di incontri dedicati a Gassino e salla Collina che si terranno nel 2024 al Primo Levi.

Si inizia stasera, mercoledì 31 gennaio

Doppia conferenza organizzata dall’Unitre della collina. Questa sera, mercoledì 31 gennaio, alle 21 ci sarà l’incontro tenuto da Piercarlo Porporato dedicato all’Archivio Lovazzano, importante e preziosa risorsa storica e fotografica per tutto il Piemonte. L’appuntamento si svolgerà nella sede del centro Culturale Primo Levi a Gassino, in via don Camillo Ferrero.

L'archivio Lovazzano

L’archivio storico Lovazzano è stato costituito ufficialmente nella primavera 2023 nei locali della Pro Loco di Gassino, all’interno della quale è stato creato un settore specifico proprio dedicato ad esso.

Per i cittadini più anziani non solo di Gassino ma di tutta la collina, il nome Lovazzano è certamente accostato a tanti momenti che riguardano la storia locale. Nell’atto costitutivo dell’archivio si legge che «nel panorama storico della fotografia torinese il nome “Lovazzano” è riconosciuto come una storia di generazioni di fotografi operanti prima nella città di Torino e poi in altre località piemontesi».

E ancora si chiarisce che «è stato possibile recuperare grazie a Pietro Carlo Porporato e agli ultimi eredi viventi Pier Carla Lovazzano, figlia di Tarcisio Lovazzano e nipote di Angelo Lovazzano, e Claudio Nardiello, nipote di Tarcisio e Angelo Lovazzano, tutto il materiale fotografico di proprietà dei Lovazzano, grazie agli archivi conservati dagli ultimi due eredi fotografi Tarcisio Lovazzano a Gassino e Angelo Lovazzano a Chivasso, deceduti negli ultimi anni. Si è deciso di costituire l’Archivio Lovazzano».

L’obiettivo prefissato è quello di creare «un archivio fotografico procedendo a classificare, mettere in sicurezza e digitalizzare tutto il materiale in lastre e stampe fotografiche; ricostruire storicamente la storia della famiglia Lovazzano dalla nascita fino agli ultimi eredi fotografi; mantenere vivo l’interesse verso la storia, la cultura e le tradizioni locali attraverso le immagini dei Lovazzano, favorendone e predisponendone la promozione e la divulgazione».

Il secondo appuntamento il 7 febbraio

Il secondo appuntamento, mercoledì 7 febbraio, sempre al Centro Primo Levi, è intitolato «Sobrero est, una storia gassinese», a cura dello storico locale Carlo Bosco, sempre con Piercarlo Porporato, per parlare della storia della fabbrica di calze e camicie che ha visto impiegati tanti cittadini del territorio per molti atti. Il tutto attraverso la raccolta di materiali ritrovati e di quelli che invece sono stati messi a disposizione da parte degli eredi.

"Per conoscere Gassino (e non solo), le sue eccellenze, la sua storia e le tante iniziative che sono già in marcia o sono programmate. Vi aspettiamo!" è l'invito degli organizzatori.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali