Il caso

Una zanna di elefante in casa, arrestato un uomo

La Polizia l'ha fermato per un controllo, scoprendo banconote contraffatte. 

Una zanna di elefante in casa, arrestato un uomo
Torino, 14 Maggio 2020 ore 12:22

Una zanna di elefante in casa, arrestato un uomo. La Polizia l’ha fermato per un controllo, scoprendo inoltre banconote contraffatte.

Una zanna di elefante in casa

Nel magazzino della sua villetta, fuori Torino, custodiva una zanna d’elefante intarsiata, detenuta senza la documentazione necessaria. Una scoperta che ha stupito gli stessi agenti della Squadra Volante che hanno fermato l’uomo, in compagnia di altre due persone, per un controllo di routine. Da qui, la perquisizione domiciliare che ha portato alla scoperta di questo oggetto.

Il controllo

Era alla guida di un mezzo in corso Vittorio Emanuele II, quando la Polizia ha fermato un cittadino, 30 anni. Con lui, altre due persone rispettivamente di 20 e 32 anni, indicate come suoi collaboratori nel campo del commercio di auto. E’ successo lunedì pomeriggio, 11 maggio 2020. Gli agenti hanno controllato la sua borsa, rinvenendo una mazzetta composta da 37 banconote da 50 euro, risultate contraffatte.

L’arresto

Dai controlli effettuati, a suo carico sono emersi precedenti di polizia per truffa (il suo ultimo arresto, per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, risale allo scorso febbraio), guida senza patente e possesso di proiettili. L’uomo è stato arrestato per detenzione di banconote contraffatte e denunciato per violazione della convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità