La smentita

Truffe ai tempi del Coronavirus, attenti al finto volantino

Polizia di Stato e Ministero dell'Interno avvisano i cittadini: "E' un falso"

Truffe ai tempi del Coronavirus, attenti al finto volantino
Settimo, 29 Marzo 2020 ore 14:57

Un vero e proprio allerta nazionale sta scoprendo il triste fenomeno delle truffe ai tempi del Coronavirus.

Truffe ai tempi del Coronavirus, occhio ai raggiri

E’ la Polizia di Stato a mettere in guardia dal falso volantino che è stato affisso in alcuni condomini di tutto il territorio nazionale. Si tratta, come spiegano Polizia e Ministero dell’Interno di un vero e proprio “fake”, una falso cui prestare attenzione.

Il falso volantino, che in alcune città è stato trovato affisso negli androni dei palazzi e sui muri dei quartieri, invita eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni che li ospitano, per rientrare nel proprio domicilio di residenza, perché sarebbe in corso l’attività di controllo delle autorità

E’ soltanto un falso, chiamate le forze dell’ordine

Il finto volantino, redatto con tanto di logo della Repubblica Italiana e con la dicitura “Ministero dell’Interno”, riporta anche

L’obbligo di presentare, a richiesta, la documentazione di affitto della casa e i propri documenti con foto.

La smentita dell’autenticità del volantino da parte delle forze dell’ordine è accompagnata, ancora, dall’invito rivolto ai cittadini che dovessero imbattersi in un avviso di questo genere.

Vi invitiamo a fare attenzione. Potrebbe essere l’astuta mossa di qualche malintenzionato per entrare nelle le case in questo periodo di emergenza per Covid – 19

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità