L'indagine

Traffico di anabolizzanti, atleti e palestre nei guai: il business radicato nel torinese

I contatti avvenivano tra canali criptati di Whatsapp e Telegram. La scoperta dei carabinieri del Nas di Torino.

Traffico di anabolizzanti, atleti e palestre nei guai: il business radicato nel torinese
Torino, 14 Maggio 2020 ore 17:22

Traffico di anabolizzanti, atleti e palestre nei guai: il business radicato nel torinese

Traffico di anabolizzanti, il blitz del Nas

Operazione Gazolina“. E’ il nome della complessa indagine dei carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazione e sanità) dei carabinieri di Torino che, grazie ai provvedimenti emessi dalla Magistratura torinese, è scattata nella giornata di oggi, giovedì 14 maggio 2020.

Tre arrestati e 32 indagati, 210 le perquisizioni

L’attività investigativa, che trae origine da una precedente operazione, ha permesso di eseguire 3 ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e all’indagine di 32 persone. Sono inoltre 210 i decreti di perquisizione emessi su tutto il territorio nazionale. Ma è proprio a Torino che, secondo le indagini, si sviluppava il “cuore” dell’organizzazione e degli interessi che sono stati scoperti dai carabinieri del Nas.

Il traffico su canali criptati di Whatsapp e Telegram

L’attività degli inquirenti ha permesso di scoprire una fitta rete di contatti che approfittando di chat criptate e canali “civetta” creati ad hoc con applicazioni di messaggistica istantanea, ha permesso un vero e proprio traffico di sostanze illecite su tutto il territorio nazionale.
n particolare, a seguito di alcune preliminari perquisizioni mirate a carico di soggetti ritenuti centrali, veniva rinvenuto e sequestrato un ingente quantitativo di farmaci anabolizzanti, definendo dal punto di vista investigativo, tre distinti filoni di fornitura, che confluivano sul medesimo soggetto, rispettivamente insistenti in Puglia, Sicilia e Veneto.

Lo “smercio”

I tre canali erano gestiti mediante profili Facebook “civetta”, nel quale erano illustrati e pubblicizzati farmaci anabolizzanti al fine di attrarre il potenziale cliente il quale, dopo un primo contatto, veniva indirizzato su una chat criptata. Tutti i pagamenti avvenivano tramite carte Postepay e bonifici Western Union. Le spedizioni dei plichi venivano effettuate tramite ignari servizi di corriere espresso.

I soggetti coinvolti: nei guai atleti agonisti nazionali e titolari di palestre

Nell’inchiesta, quindi, sono emersi coinvolti a vario titolo 210 persone. Tutti soggetti di interesse operativo che risultano ben inseriti negli ambienti sportivi. A livello nazionale e internazionale, tra palestre, personal trainer, body builder, negozi di integratori alimentari e operatori della sicurezza, con precedenti specifici proprio nel campo del doping.
Nella rete si sono finiti dunque anche 74 atleti agonisti iscritti a federazioni sportive, 11 titolari di palestre (su tutto il territorio nazionale) e 4 titolari di negozi di integratori alimentari (su tutto il territorio nazionale).

I reati contestati

A essere contestati sono gli articoli 586 bis del codice penale (Utilizzo o somministrazione di farmaci o altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti), l’articolo 73 del D.P.R. 309/90 (spaccio di sostanze stupefacenti del tipo nandrolone). E, ancora, l’articolo 648 del codice penale (ricettazione), l’articolo 348 del codice penale (esercizio abusivo della professione sanitaria), l’articolo 445 cp (commercio e somministrazione di farmaci in modo pericoloso per la salute pubblica) e l’articolo 443 del codice penale (commercio di medicinali guasti e/o imperfetti).
Nell’ambito dell’attività investigativa è stata inoltre rinvenuta e sequestrata una importante quantità di sostanza stupefacente: un totale di 5 kg di droga tra marijuana e hashish.

L’inchiesta è stata svolta anche in collaborazione con l’Europol che ha consentito di effettuare ulteriori accertamenti anche sui canali esteri.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

 

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità