Il risultato

Tampone negativo, rientra l’allarme per il caso all’ospedale di Ciriè

Le analisi hanno scongiurato il contagio per l'uomo di 63 anni ricoverato in provincia di Torino.

Tampone negativo, rientra l’allarme per il caso all’ospedale di Ciriè
Settimo, 26 Febbraio 2020 ore 20:32

E’ rientrato l’allarme per il caso di sospetto Coronavirus all’ospedale di Ciriè, il tampone ha dato esito negativo.

Tampone negativo, rientra l’allarme

E’ rientrato nella prima serata di oggi, mercoledì 26 febbraio 2020, l’allarme per il caso di sospetto Coronavirus registrato nel pomeriggio all’ospedale di Ciriè. Un’allerta che aveva persino spinto ad adottare la misura della chiusura del pronto soccorso del nosocomio della provincia. Lo confermano i colleghi della redazione de Il Canavese.

Il caso

Tutto è iniziato quando il paziente in questione, un uomo di 63 anni residente in provincia, che ieri si era recato al pronto soccorso, ha raccontato ai medici di aver avuto contatti con un suo congiunto rientrato pochi giorni fa dalla Cina. Una “confessione” che ha fatto immediatamente scattare un particolare protocollo di controlli sanitari approfonditi.

Esito negativo

Gli esami cui l’uomo è stato sottoposto e che sono stati inviati all’Amedeo di Savoia di Torino sono risultati negativi. Scongiurato, quindi, ogni ulteriore allerta per le condizioni del paziente che era stato posto sotto “sorveglianza” sanitaria. Intanto, proprio per provvedere a qualsiasi emergenza del caso, era stato allertato anche l’ospedale di Lanzo. Questo nel caso si dovesso “deviare” tutti i pazienti in arrivo in altra struttura sanitaria idonea.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità