Guardia di Finanza

Scoperto un deposito di abiti di lusso contraffatti

La scoperta è avvenuta a seguito di un intervento per un principio di incendio nei locali di un magazzino nel quartiere Barriera di Milano

Pubblicato:

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino hanno individuato e sottoposto a sequestro oltre 7.000 capi di abbigliamento di note griffe contraffatti, rinvenuti all’interno di un deposito.

Scoperto un deposito di abiti di lusso contraffatti

A seguito di una richiesta di supporto ad alcuni equipaggi dei Vigili del Fuoco allertati per un principio di incendio in un deposito nel quartiere torinese di Barriera di Milano, i “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego Torino, in servizio di pubblica utilità 117, hanno rinvenuto all’interno dei locali interessati numerosi scatoloni che, da una preliminare visione, risultavano contenere capi d’abbigliamento di famose griffe di moda.

I finanzieri, tuttavia, hanno avuto il sospetto che i capi di abbigliamento potessero essere contraffatti, in ragione dell’inconsueto numero degli stessi in rapporto al loro presumibile valore di mercato e della fatiscenza dei locali ove erano stoccati.

I successivi accertamenti condotti sull’etichettatura e sulla fattura dei prodotti confermavano ai militari della Guardia di finanza trattarsi di merce falsa, che veniva pertanto sequestrata.

Oltre 7mila articoli fasulli

In particolare, gli oltre 7.000 articoli d’abbigliamento contraffatti erano felpe, t-shirts, calzature, borse e imballaggi riportanti i marchi di noti brands, nazionali e internazionali.

Il detentore della merce, uno straniero risultato dai successivi controlli essere non in regola con il permesso di soggiorno, è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria e, ferma restando la presunzione di innocenza sino al compiuto accertamento delle responsabilità, dovrà rispondere delle ipotesi penalmente rilevanti di “introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi” e “ricettazione”.

L’attività testimonia la costante attenzione del Corpo al contrasto dei fenomeni distorsivi del mercato e alla repressione delle frodi commerciali, volti a salvaguardare le aziende titolari di marchi e brevetti e la regolare concorrenza.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali