La lettera

La lettera di 82 asili privati alla Regione: “Chiediamo misure urgenti e certe”

Gli asili privati del Piemonte sottoscrivono una lettera chiedondo aiuto alla Regione e a Cirio: "Misure a sostegno dell’economia dei servizi per l’infanzia e aiuti alle famiglie".

La lettera di 82 asili privati alla Regione: “Chiediamo misure urgenti e certe”
Torino, 10 Marzo 2020 ore 21:39

La lettera di 82 asili privati alla Regione: “Chiediamo misure urgenti e certe”.

La lettera degli asili alla Regione

L’emergenza Coronavirus sta colpendo anche i servizi educativi privati rivolti alla prima infanzia, 0 – 6 anni. Ben 82 asili nido, dislocati in tutto il territorio piemontese, hanno firmato una lettera indirizzata al presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio richiedendo “misure a sostegno dell’economia dei servizi per l’infanzia privati e aiuti alle famiglie”.

Le richieste

“Mossi dal senso civico che ci contraddistingue e avendo a cuore la salute dei nostri bambini e delle loro famiglie, ci siamo immediatamente adeguati alle ordinanze correlate all’emergenza epidemiologica da Covid-19 provvedendo all’immediata chiusura dei nostri servizi che, inevitabilmente, ha comportato non pochi disagi alle famiglie che si affidano a noi”.
Recita così la lettera sottoscritta dagli servizi per l’infanzia privati, tra cui anche istituti privati del nostro territorio, e rivolta alla Regione. Alla preoccupazione per le proprie famiglie e per gli utenti del servizio, si aggiunge quella per la situazione economica della struttura e dei dipendenti. Le richieste di “misure urgenti e certe” presentate sono: estensione della cassa integrazione in deroga anche gli educatori impiegati presso i nostri servizi. Indennità per gli imprenditori titolari o soci. Sospensione del pagamento delle utenze e di INPS e IVA. Tra le istanze principali anche:
“Un contributo per tutte le famiglie con i bambini in età scolare e prescolare, indipendentemente dal reddito delle stesse, volto a sostenere il pagamento di rette di scuole o servizi educativi privati pur in assenza di servizio”.

L’hashtag #nonsiamoinvacanza

Elena Marchetto di San Mauro e educatrice dell’Asilo Nido Birimbao di Moncalieri, ha lanciato l’hashtag #nonsiamoinvacanza per spiegare quanto sia difficile la situazione degli educatori e degli insegnanti dei servizi privati.
“Nessuno si è ricordato di noi, nessuno ha pensato che anche noi educatori di strutture private abbiamo bisogno di uno stipendio”.
Al suo post di Facebook aggiunge:
“Abbiamo la responsabilità di riaprire tra poche settimane, un mese o più, le nostre strutture perché, prima o poi, le famiglie che oggi giustamente non vorrebbero pagare le rette non usufruendo del servizio, domani avranno bisogno di noi e noi potremmo non esserci più […] Domani forse, vi ricorderete che il nostro servizio era importante e che valeva la pena di essere ricordato e salvato. #nonsiamoinvacanza, il Birimbao non è in vacanza”.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità