L'iniziativa

Il mercato riparte con un minuto di silenzio per ricordare le vittime del Covid-19 – VIDEO

A Venaria Reale i mercatali hanno deciso di omaggiare le vittime del virus e le persone che stanno ancora lottando per la vita.

Venaria, 23 Maggio 2020 ore 22:24

Il mercato riparte con un minuto di silenzio dedicato a chi ha perso la vita a causa del virus. L’iniziativa dei mercatali tra i banchi di viale Buridani a Venaria.

Il mercato riparte con un minuto di silenzio

Un minuto di silenzio per ricordare chi ha perso la vita a causa del Covid-19. E’ così che è ripartito nella mattinata di oggi, sabato 23 maggio, l’atteso mercato di viale Buridani a Venaria Reale. Un’iniziativa proposta dagli stessi mercatali che, con un passa parola, sono riusciti a coinvolgere gli operatori presenti e i cittadini utenti dell’area di vendita.

L’iniziativa

“Molte di queste persone che hanno perso la vita erano dei nostri clienti -spiega Giorgio Martino referente dei Goia -, conoscenti e in alcuni casi anche parenti. E dopo tre mesi di stop questo lungo applauso è dedicato a loro e a coloro che ancora stanno lottando contro la malattia”.

I controlli

Il mercato di viale Buridani si è svolto regolarmente, anche e soprattutto grazie alla presenza degli agenti del Comando di Polizia Municipale venariese agli ordini del comandante Luca Vivalda. “Tutto sommato – precisa ancora Martino – è andata bene. Nonostante non ci siano più gli ingressi contingentati la vigilanza è stata raddoppiata. Questo per permettere di creare cordoni di separazione tra i due lati del mercato e per la vigilanza degli incroci. Ma ha un costo, mille euro per ogni giorno di lavoro”.

Agli agenti, inoltre, anche il compito di richiamare quegli ambulanti e quei clienti che non hanno ancora del tutto recepito le prescrizioni di sicurezza anti-Covid.

All’appello, infine, mancano ancora gli spuntisti. E sono proprio loro, a vario titolo, a chiedere di poter tornare a lavorare il prima possibile.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità