Castiglione

Ex asilo Fiorio: ecco il progetto di recupero

Prevista la nascita di un polo museale dedicato a Ettore Fico

Ex asilo Fiorio: ecco il progetto di recupero
Settimo, 14 Giugno 2020 ore 09:06

Ex asilo Fiorio: ecco il progetto di recupero

Ex asilo Fiorio

E’ stato presentato dall’Amministrazione comunale di Castiglione il progetto di recupero dell’ex asilo Fiorio, in collaborazione con l’associazione Storia e Futuro. Il lavoro è stato presentata  al bando della Compagnia di San Paolo per i Luoghi della Cultura 2020.

Gli obiettivi

Spiega il presidente dell’associazione Storia e Futuro Alessandro Sibille:

“Il progetto presentato mette in primo piano la riqualificazione dell’Asilo Fiorio, la storica scuola materna dei castiglionesi. Proprietà comunale, oramai dismesso da circa vent’anni, questo edificio rappresenta un importante luogo della memoria per i nostri cittadini; la proposta di recupero punta a farlo divenire anche un importante polo culturale di attrazione, inserito efficacemente nei percorsi e reti del nostro territorio. Storia e Futuro ha infatti come suo principale scopo il recupero economicamente sostenibile del patrimonio del territorio, restituendone la memoria storica, e ove possibile utilizzandolo per rispondere ai bisogni attuali della nostra comunità. Questo progetto è nato appunto dall’unione di intenti tra un gruppo di architetti e ingegneri individuati dall’Associazione, e l’Amministrazione Comunale di Castiglione, che a sua volta aveva già acquisito la disponibilità del MEF (Museo Ettore Fico di Torino, partner del progetto).  È previsto uno spazio museale aperto a tutta la cittadinanza, ad escursionisti e turisti, con rotazione di mostre temporanee sull’attività del pittore che a lungo dimorò nel nostro territorio, e lo svolgimento di eventi e convegni. Ci sarà anche uno spazio polifunzionale per assicurare ai giovani della comunità castiglionese un luogo di studio e di aggregazione, grazie alla presenza di un ristoro ed un giardino. Le scuole naturalmente saranno interlocutori privilegiati di questa sede polifunzionale, con laboratori e altre iniziative a loro dedicate”.

 Il progetto

“Grazie a tutte queste iniziative congiunte, se il progetto sarà finanziato, avremo finalmente a Castiglione una sede di conservazione e rielaborazione della memoria della comunità, ed un volano di sviluppo turistico che potrà sfruttare le reti di iniziative di tutto il territorio. La posizione della nuova struttura, collocata a San Rocco (nucleo centrale dell’antico insediamento che diede vita al Comune di Castiglione), è infatti ideale per accedere alla fitta rete di sentieri naturalistici della Collina Torinese, che permette di raggiungere agevolmente a piedi attraverso il verde attrazioni affascinanti come le Cascate del Rio Crivella, gli affreschi risalenti al 1500 della chiesetta di “Santa Maria Nascente”, e soprattutto la bellissima chiesa di San Claudio in Castiglione Alto”.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità