Il provvedimento

Emergenza Coronavirus Piemonte, nuova ordinanza di Cirio: ecco le disposizioni in vigore fino al 17 maggio

E' stata firmata nella giornata di ieri, sabato 2 maggio.

Emergenza Coronavirus Piemonte, nuova ordinanza di Cirio: ecco le disposizioni in vigore fino al 17 maggio
Torino, 03 Maggio 2020 ore 09:59

Emergenza Coronavirus Piemonte, nuova ordinanza di Cirio: ecco le disposizioni in vigore fino al 17 maggio.

Emergenza Coronavirus Piemonte

Nella giornata di ieri, sabato 2 maggio 2020, il presidente regionale Alberto Cirio ha firmato una nuova ordinanza, che prevede una serie di disposizioni che saranno in vigore in Piemonte a partire da domani, lunedì 4 maggio, e fino al prossimo 17 maggio.

Le disposizioni regionali

Ecco quanto previsto dalla nuova ordinanza regionale:

“Obbligo per i soggetti con febbre maggiore di 37,5 gradi, oppure con sintomi compatibili da infenzione da Covid 19 (tosse, difficoltà respiratorie,  riduzione dell’olfatto o del gusto, diarrea, mal di gola e raffreddore) di restare a casa, limitare al massimo i rapporti sociali e contattare il proprio medico curante; obbligo sull’intero territorio regionale, per tutti i cittadini, di utilizzare le mascherine nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto, o comunque in ogni occasione in cui non sia possibile garantire continuamente il rispetto della distanza di sicurezza (restano esenti i bambini al di sotto dei 6 anni); obbligo alle strutture sanitarie  di effettuare il monitoraggio clinico degli operatori sanitari con rilevazione della temperatura corporea prima del turno; diviete di ingresso dei visitatori in tutte le strutture pubbliche, private, convenzionate ed equiparate del Sistema sanitario nazionale ed in tutte le strutture socio assistenziali; restano consentite le consegne commerciali a domicilio per tutti i settori merceologici urché nel risoetto delle norme igienico – sanitarie e delle norme in vigore; l’accesso alle attività commerciali di cui è  prevista l’apertura in base al Dpcm del 26 aprile, è limitato ad un solo componente per nucleo familiare, salvo comprovati motivi di accompagnamento; obbligo  ai mercati di  garantite modalità di accesso scaglionato per evitare assembramenti, con l’ausilio di Polizia locale, Protezione Civile o altra associazione individuata dal sindaco,  con accesso limitato ad una sola persona per nucleo familiare, salvo comprovati motivi per l’accompagnamento; obbligo per il personale addetto alla vendita negli esercizi commerciali, di utilizzo di guanti e mascherina monouso; divieto di sosta e assembramento nei pressi dei distributori automatici di bevande e alimenti confezionati  h24; blocco di slot e monitor televisivi negli esercizi al fine di evitare assembramenti per motici di gioco nei locali; accesso agli uffici giudiziari consentito previa rilevazione della temperatura corporea e con obbligo di indossare le mascherine; consentito in maniera individuale l’allenamento e l’addestramento dei cavalli, all’interno del territorio regionale e con il distanziamento sociale; sarà consentita la toelettatura degli animali d compagnia purchè il servizio sia svolto su appuntamento e senza il contatto diretto tra persone; possibilità di raggiungere le seconde case in proprietà o in affitto all’interno del territorio regionale per svolgere manutenzioni. E’ obbligo il rientro in giornata presso l’abitazione abituale; la sospensione dell’attività degli uffici pubblici regionali, provinciali e comunali, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali ed indifferibili”.

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità