I controlli

Emergenza Coronavirus, chiusa l’autostrada A4

La Polizia stradale ha imposto l'uscita obbligatoria nell'area di servizio di Novara Nord

Emergenza Coronavirus, chiusa l’autostrada A4
Settimo, 26 Aprile 2020 ore 13:02

Emergenza Coronavirus, chiusa l’autostrada A4. La Polizia stradale ha imposto l’uscita obbligatoria nell’area di servizio di Novara Nord, come spiegano i colleghi di Primanovara.it.

Chiusa l’autostrada A4

Per il 25 aprile sono scese in strada ben 6 pattuglie della Polizia stradale e un ufficio mobile per controllare gli spostamenti sull’autostrada A4. I controlli del rispetto delle norme governative anti contagio si sono intensificati per la festa del 25 Aprile anche sulla rete autostradale.

I controlli

Nello specifico nella mattinata di ieri, sabato 25 aprile 2020, sono state ben 6 le pattuglie della polizia stradale della sezione di Novara che hanno predisposto un posto di blocco autostradale, sfruttando l’area di servizio sull’A4 di Novara Nord, in direzione Torino. L’intenzione era quella di “Garantire – come fanno sapere dalla Questura di Novara – il rispetto delle misure sulla mobilità anticontagio e scoraggiare chi volesse recarsi nelle zone montane o lacustri del Piemonte e della Valle d’Aosta o presso le seconde case”. L’iniziativa è stata supportata dal personale Satap (la concessionaria autostradale).

L’uscita obbligatoria per tutti i veicoli a Novara Nord

Sfruttando l’area di servizio, gli agenti delle 6 pattuglie hanno così passato al setaccio tutti i veicoli che nella mattinata del 25 aprile sono passati per il tratto autostradale. “Il dispositivo – spiegano dalla Questura novarese – ha consentito di sottoporre al controllo complessivamente 59 persone, di cui 4 sono state sanzionate ai sensi dell’ art 4 del Decreto Legge n° 19 del 25 marzo 2020 per essersi spostate con il proprio veicolo in assenza di comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Tre delle persone sanzionate amministrativamente hanno addotto quale ragione il dover recarsi presso un luogo diverso da quello di residenza o domicilio per visionare un’auto ai fini dell’eventuale acquisto. L’ altro utente, di cittadinanza britannica, pur trovandosi al di fuori del Comune di residenza sito in altra Regione, non era in grado di giustificare in alcun modo il proprio spostamento. Durante il servizio di controllo veniva altresì denunciato ai sensi dell’ art 6 comma 3 della decreto legislativo 286/98 un cittadino colombiano, il quale pur avendo intrapreso uno spostamento per motivi fondati di lavoro non esibiva senza giustificato motivo il proprio permesso di soggiorno”.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità