Dalla collina

Emergenza Coronavirus, anche il sindaco di Rivalba lancia l’appello: “State a casa”

"Adesso è importante attenersi alle indicazioni".

Emergenza Coronavirus, anche il sindaco di Rivalba lancia l’appello: “State a casa”
Torino, 18 Marzo 2020 ore 17:31

Emergenza Coronavirus, anche il sindaco di Rivalba lancia l’appello: “State a casa”.

Emergenza Coronavirus

In quella che è considerata come la settimana più difficile per l’emergenza Coronavirus, anche il sindaco di Rivalba Davide Rosso ha deciso di lanciare un appello alla popolazione, cercando di sensibilizzare i cittadini sull’importanza di Stare a casa.

L’appello

Ecco il testo del messaggio pubblicato su Facebook dal primo cittadino rivalbese:

“Buongiorno a tutti.
Rivolgo un accorato appello alla popolazione di Rivalba affinché limiti il più possibile le uscite. L’unico rimedio sicuro per non essere contagiati è quello di STARE A CASA.
E’ l’unica cosa che viene chiesta ad ognuno di noi. Non si tratta di reclusione, ma si chiede di limitare le uscite alle sole esigenze. E’ vero che il Decreto prevede la possibilità di passeggiate e addirittura di fare sport all’aperto, io invece credo fortemente che sia meglio STARE A CASA. Nei comuni limitrofi ci sono casi di positività al COVID-19, non è da escludere che anche Rivalba possa essere interessata, quindi senza panico e senza precipitazione, l’invito è quello di STARE A CASA. E’ un momento delicato per il Piemonte e per l’Italia. Diamo l’esempio. Passerà questo momento, torneremo a vivere la nostra Rivalba come abbiamo sempre fatto, ma adesso è importante attenersi alle indicazioni: STARE A CASA!”.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità