Cronaca
A GASSINO

Ecocentro fisso: Seta e Comune impegnati nella progettazione

Un progetto importante, che riguarderebbe anche tutta la fascia collinare

Ecocentro fisso: Seta e Comune impegnati nella progettazione
Cronaca 27 Febbraio 2021 ore 08:26

Ecocentro fisso: Seta e Comune impegnati nella progettazione

Ecocentro fisso

Si torna a parlare di un'opera che sarebbe molto importante per tutti il territorio della fascia collinare.

Il punto della situazione

Entra nella sua ultima fase la progettazione dell’ecocentro fisso di strada delle Guine. Il disegno è pronto. Smat, Seta e Amministrazione, che hanno lavorato sull’area, hanno torvato un punto d’incontro. Ora mancano solo più le autorizzazioni, spiega l’assessore all’Ambiente e all’Urbanistica Andrea Morelli. Dopodiché verrà poggiato il primo mattoncino dell’ecostazione gassinese, su cui si lavora da anni.
«Giovedì scorso è stato fatto un sopralluogo sul sito e poi un incontro con tutti i vertici coinvolti - spiega -. Ora entreremo nel vivo della questione autorizzazioni con l’Ente Parco, col quale confiniamo, col Suap, e ovviamente con la commissione locale paesaggio, quella edilizia, alla Sovrintendenza. Per una parte Seta, e per una pare noi come Comune, raccoglieremo tutti i pareri, prima di arrivare nel giro di qualche mese all’approvazione definitiva del progetto, e speriamo di terminare i lavori nella prima metà dell’anno prossimo».

La viabilità

In parallelo sta nascendo anche la nuova strada di accesso al sito. «Stiamo andando avanti anche con la viabilità, perché quella attuale non è utilizzabile da un grande flusso di mezzi. Abbiamo già affidato la progettazione definitiva del collegamento diretto tra la Sp 590 e l’ecocentro. La parte urbanistica va avanti, e questa settimana dovremmo approvare lo studio di fattibilità della strada con la rotonda. In modo da poter mettere l’opera nell’elenco triennale, e realizzarla nel corso dell’anno 2021. Andremo avanti parallelamente con viabilità e costruzione dell’ecocentro, per arrivare ad avere le due opere finite quasi contemporaneamente. Fatti salvi nuovi lockdown, con cantieri chiusi ed edilizia ferma».
Costo delle due opere di 500 mila euro totali. «L’ecocentro costerà 300 mila euro, in capo a Seta. Mentre per la strada con rotonda, in capo a noi, abbiamo previsto un costo di 200 mila euro. Ma nella fase di progettazione esecutiva questo costo potrebbe subire ritocchi. La strada servirà anche le attività produttive presenti in quel tratto: i due grandi rivenditori di legname».
Un ulteriore punto, e costo, di cui tenere conto, sarà quello per la sicurezza del sito, intorno al quale si sono accumulati già un po’ di rifiuti, quasi a volersi beffare della futura ecostazione. «Questo da un po’ di preoccupazione. Dovremo sicuramente intensificare la sorveglianza insieme a Seta,per prestare sempre più attenzione a chi non smaltisce correttamente i rifiuti e anche a chi pensa di poter accedere all’econcentro per portare via materiali o oggetti».