Per l'emergenza

Covid, all’ospedale Mauriziano una nuova area di terapia semi intensiva

L’Area è caratterizzata da  un ambiente di cura che permette l’impiego di tecniche di monitoraggio prevalentemente non invasive.

Covid, all’ospedale Mauriziano una nuova area di terapia semi intensiva
Torino, 15 Ottobre 2020 ore 11:29

Covid, all’ospedale Mauriziano una nuova area di terapia semi intensiva

Covid

All’ospedale  Mauriziano nasce la nuova Area Covid di Terapia Semi Intensiva condivisa tra la Pneumologia e la Medicina Interna dell’Azienda Ordine Mauriziano di Torino. Dopo soli due mesi di lavori di ristrutturazione ed ampliamento, iniziati su un progetto aziendale e supportati finanziariamente dalla Regione Piemonte, la nuova area vede un ampliamento dei posti letto (otto) con elevata concentrazione di tecnologie e risorse umane, in aderenza alle attuali Linee guida di accreditamento ed ai criteri nazionali ed internazionali di buone pratiche del settore.

Gli spazi

L’Area è caratterizzata da  un ambiente di cura che permette l’impiego di tecniche di monitoraggio prevalentemente non invasive e dove viene impiegata preferenzialmente, ma non esclusivamente, la ventilazione meccanica non invasiva (NIV), da sola oppure integrata con tecniche di supporto non ventilatorio, ad esempio la High Flow Oxygen Therapy. Sono inoltre disponibili le moderne procedure interventistiche di vario tipo, quali broncoscopie, drenaggi toracici, accessi venosi centrali.
Tale dotazione tecnologica permetterà all’Area Covid di accogliere i pazienti che richiedono crescenti livelli di intensità di cure, quali l’insufficienza respiratoria severa e la necessità di supporto ventilatorio. Accanto alla dotazione tecnologica ed al “know how” dell’équipe, le attività sono disciplinate da un modello organizzativo integrato con le altre aree di assistenza dell’Azienda. Il modello, differenziato in diversi livelli di intensità di cura specialistica dell’insufficienza d’organo, funziona in modo flessibile secondo la logica dello step down e step up ed ha dimostrato validità nel trattamento del paziente critico con polmonite grave da COVID-19, anche in presenza
di multiple patologie associate, sia nella fase di acuzie che di dimissioni.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità