Cronaca
Dalla Regione

Covid 19, nuove misure di controllo in vigore per chi rientra dalla Cina

Cirio: "In Piemonte situazione sotto controllo"

Covid 19,  nuove misure  di controllo in vigore per chi rientra dalla Cina
Cronaca 29 Dicembre 2022 ore 17:11

Covid 19,  nuove misure di controllo in vigore per chi rientra dalla Cina.

Covid 19

Con l'ordinanza  firmata dal Ministero della Salute, in base alla quale è previsto per tutti i soggetti in ingresso dalla Cina l’obbligo di sottoporsi ad un test antigenico, anche il Piemonte ha messo in campo  nuove iniziative per effettuare i controlli necessari.

Il Comunicato

In un comunicato si spiega: "La Regione Piemonte, attraverso l’Azienda Sanitaria Zero, il Dipartimento Interaziendale Malattie ed Emergenze Infettive (Dirmei) e le Aziende Sanitarie Locali, mette a disposizione di chi arriva in Piemonte dalla Cina la possibilità di effettuare un tampone Covid, in accesso diretto e gratuitamente, presso uno degli hot spot tamponi presenti sul territorio. L’elenco aggiornato degli hot spot tamponi è consultabile sulla home page del sito della Regione. Gli utenti dovranno esibire il passaporto e la carta d’imbarco".

La situazione in Piemonte

“La situazione dei ricoveri e dei contagi è assolutamente sotto controllo in questo momento in Piemonte e continuiamo a essere in testa in Italia sulle vaccinazioni, ma abbiamo voluto immediatamente attivare una misura di prevenzione a supporto di coloro che arrivano e rientrano dalla Cina, per continuare a garantire la massima sicurezza al nostro territorio. Ringraziamo tutto il nostro sistema sanitario che, anche in questi giorni di festa, continua con il massimo impegno a dare un aiuto prezioso alla nostra comunità“ sottolineano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi.

“Azienda Zero e Dirmei si sono immediatamente messe in moto per attivare, insieme alle Asl, un servizio di prevenzione e controllo in collaborazione non solo con l’Usmaf e l’Aeroporto di Torino, ma anche con la comunità cinese attraverso il Consolato e l’Angi, che hanno dato la loro massima disponibilità e di questo desideriamo ringraziarli” aggiunge il commissario di Azienda Zero Carlo Picco.

Seguici sui nostri canali