Cronaca

Coronavirus, non si ferma lo spaccio: due arresti

L'incessante attività dei pusher è stata fermata dal personale della Squadra Mobile. 

Coronavirus, non si ferma lo spaccio: due arresti
Torino, 17 Marzo 2020 ore 11:50

Coronavirus, non si ferma lo spaccio: due arresti. L’incessante attività dei pusher è stata fermata dal personale della Squadra Mobile.

Coronavirus, non si ferma lo spaccio

Nemmeno il Covid-19 scoraggia gli spacciatori e per questo continua incessante l’attività di contrasto allo spaccio, dalle piazze fino a risalire la filiera della distribuzione. In tale contesto, negli ultimi giorni personale della Squadra Mobile ha proceduto all’arresto di due cittadini albanesi dediti allo smercio di sostanze stupefacenti.

A Torino

In casa, è stato sorpreso con un sacchetto con 350 grammi di marijuana nascosta tra i capi di abbigliamento, ripiegati con cura in una valigia nella camera da letto. In un cassetto, poi, un bilancino elettronico di precisione, con tracce di polvere di cocaina. E’ quanto hanno scoperto gli agenti della Squadra Mobile di Torino, facendo irruzione in un alloggio di via Rubiana, venerdì scorso, poco prima della mezzanotte. Nei guai un ragazzo di 19 anni.

In provincia

Lo scorso weekend, invece, a Carmagnola, gli operatori della Narcotici hanno invece tratto in arresto un trafficante di cocaina, di 36 anni. L’uomo è stato trovato in possesso di un panetto “pressato” a forma di mattonella del peso di circa 1,2 kg di cocaina. Ulteriori 2 etti, già suddivisa in singoli involucri pronti per essere smerciati al dettaglio, erano stati occultati in alcuni pacchetti di caramelle trovati nascosti in un vano creato ad hoc nella sua autovettura. Non è mancato all’appello il bilancino elettronico di precisione, sequestrato unitamente alla somma in contanti di 12.370 euro, 560 sterline e 2.000 corone svedesi trovata in suo possesso. Il rinvenimento di valute straniere lascia presumere che l’attività dello spacciatore si estendesse oltre i confini nazionali. Sono in corso ulteriori attività investigative. Entrambi i cittadini albanesi dovranno rispondere di detenzione finalizzata allo spaccio di stupefacenti.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI PRIMA SETTIMO

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Settimo: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità