Menu
Cerca
Nei Comuni del Cisa

Buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa del Covid. Ecco i criteri per richiederli

Potranno essere richiesti dai cittadini residenti a San Mauro, Castiglione, Gassino, San Raffaele, Sciolze, Rivalba e Cinzano

Buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa del Covid. Ecco i criteri per richiederli
Cronaca 09 Dicembre 2020 ore 14:24

Buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa del Covid. Ecco i criteri per richiederli

Buoni spesa Covid

Sono stati stabiliti i criteri  dal Cisa  per richiedere i buoni spesa a favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa del Covid. Le richieste potranno essere effettuate a partire da oggi, mercoledì 9 dicembre 2020, e fino a giovedì 17 dicembre alle ore 16.

Chi può averne diritto

Potranno farne richiesta le persone residenti in uno dei Comuni che fanno parte del Cisa ( San Mauro Torinese, Castiglione, Gassino, San Raffaele, Sciolze, Rivalba e Cinzano), che si trovano in stato di assoluto bisogno economico e assoluta necessità di generi alimentari e beni di prima necessità, per effetto dell’emergenza  legata alla pandemia.

I criteri di erogazione

Per quanto riguarda i criteri di erogazione,  sarà effettuata una valutazione da parte degli uffici del Servizio Sociale del Consorzio. L’analisi verrà condotta per nuclei familiari e non per individui, sulla base della dichiarazione sostitutiva che verrà prodotta e delle informazioni raccolte dagli uffici consortili in fase istruttoria. Verrà data priorità ai soggetti privi di qualsiasi reddito e/o copertura assistenziale, la cui situazione di difficoltà sia direttamente riconducibile agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19. Qualora il budget a disposizione lo consentisse, verranno comunque presi in considerazione anche i nuclei familiari assegnatari di sostegno pubblico (Reddito di cittadinanza, Naspi, Indennità di mobilità, Cassa Integrazione Guadagni, altre forme di sostegno previste a livello locale e regionale), o percettori di reddito a qualsiasi titolo, nei limiti di quanto definito dal Regolamento Consortile delle misure di contrasto alla povertà e di sostegno al reddito, approvato.
Costituisce ulteriore criterio di accesso alla misura l’autodichiarazione relativa alla disponibilità di beni mobili (ad esempio, capienza conto corrente bancario o postale, possesso di buoni fruttiferi) al 31 ottobre 2020, in base a questa tabella:

  •  fino a € 3.000,00 per un componente;
  • da € 3.001,00 a € 4.000,00 per due componenti;
  • da 4.001,00 a € 5.000,00 da tre componenti in su

Valore dei buoni

I buoni serviranno a coprire il  fabbisogno mensile delle famiglie in difficoltà, attraverso l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità, secondo il seguente criterio:

  • nucleo familiare composto di n. 1 persona € 200,00
  • nucleo familiare composto di n. 2 persone € 300,00
  • nucleo familiare composto di n. 3 persone € 350,00
  • nucleo familiare composto di n. 4 persone € 400,00
  • nucleo familiare composto da più di 4 persone € 450,00

L’entità del valore economico delle provvidenze è incrementata di € 100,00 in caso di presenza nel nucleo familiare di uno o più minori sotto i 3 anni, di persona portatrice di handicap/invalidità e in caso di nucleo monogenitoriale.
Il massimale erogabile per nucleo non potrà comunque superare la soglia di € 550,00.

Le modalità d’erogazione

Con l’eccezione del Comune di San Mauro, che adotterà un sistema differente di erogazione, in autonomia rispetto al Consorzio, i cittadini residenti nei Comuni di Gassino, Castiglione, San Raffaele Cimena, Sciolze, Rivalba e Cinzano si avvarranno dei buoni spesa erogati dal Consorzio. I buoni spesa saranno utilizzabili dai beneficiari presso uno o più esercizi commerciali tra quelli convenzionati con il Consorzio, presenti nell’elenco pubblicato sul sito istituzionale del C.I.S.A. Il taglio dei buoni sarà di € 10 cadauno. I buoni non danno diritto a resto e non
sono convertibili in denaro.

La durata dell’erogazione

Il Consorzio valuterà tutte le domande pervenute entro la scadenza del 17 dicembre. Ad ogni nucleo verrà assegnato il budget di buoni spesa necessario a coprire il fabbisogno alimentare per n. 4 settimane, che verrà tuttavia erogato in due tranche. L’avviso potrà essere riaperto nell’ipotesi in cui, a seguito del primo esperimento, residuino risorse disponibili.

Le domande

Il modulo per  poter presentare la richiesta per i buoni spesapotrà essere scaricato dal  sito cisa7.it (unitamente alla scansione/fotocopia del documento di identità del richiedente. In caso di impedimento nel produrre una copia del documento, si dovrà indicare sulla domanda stessa il tipo di documento di identità, il numero, la scadenza e l’autorità di rilascio).

Le domande potranno essere consegnate per email all’indirizzo cisa@cisa7.it oppure consegnate direttamente, ma sarà necessario richiedere un appuntamento telefonico presso:

  • l’Ufficio Protocollo del C.I.S.A. – Via Regione Fiore n. 2, Gassino T.se, tel 011-9819911;
  • l’Ufficio del Servizio Sociale del C.I.S.A. – Via Speranza n. 43, San Mauro T.se, tel.011.8221518;

 

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli