Due giorni di iniziative al via

Settimo, in memoria di Giovanni Ossola: così si celebra l’impegno del sindaco che ha dato un impulso nuovo alla città

Settimo, in memoria di Giovanni Ossola: così si celebra l’impegno del sindaco che ha dato un impulso nuovo alla città
Attualità Settimo, 26 Giugno 2021 ore 08:29

Settimo, in memoria di Giovanni Ossola: così si celebra l’impegno del sindaco che ha dato un impulso nuovo alla città.

Giovanni Ossola

Come raccontare Giovanni Ossola a chi non l’ha mai conosciuto? Come tracciarne il profilo di politico, amministratore pubblico e, ancora di uomo e marito e padre?

Le iniziative

A dieci anni dalla scomparsa del compianto ex primo cittadino di Settimo è ormai iniziato il conto alla rovescia per le attese celebrazioni che tendono, appunto, a raccontare «Giovanni» (perché i settimesi lo chiamavano per nome, ndr) così com’era. Tanto nel pubblico quanto nel privato. E’ per questo che l’Amministrazione, in accordo con la famiglia e con un comitato ad hoc «Amici di Giovanni Ossola» ha programmato una due giorni di eventi e iniziative dedicate proprio alla sua memoria.
Memoria che ancora nei giorni scorsi, in prossimità del decennale della sua scomparsa, si sta facendo sempre più viva. Tanto tra gli amici e compagni di partito di sempre, quanto tra i cittadini che ricordano ancora la lungimiranza dell’amministratore pubblico che, con i suoi progetti, è stato precursore di parte di quella Settimo che si conosce così com’è oggi.

Il programma

Il primo momento di ricordo è fissato per sabato 26 giugno quando, alle 11, si terrà l’inaugurazione di una mostra fotografica allestita nel corridoio della sala consiliare del Municipio di Settimo. Una vera e propria raccolta di immagini che possano raccontare l’impegno sul territorio di Giovanni Ossola sotto il profilo amministrativo e sotto quello dell’impegno politico sul territorio.
Ma i riflettori sono accesi sulla giornata di domenica 27, una giornata cruciale per il ricordo di Ossola. E’ proprio per domenica che è fissato lo svolgimento di quella che è stata definita come una «tavola rotonda».
Un momento di riflessione, con moltissimi ospiti, che potranno accompagnare non soltanto gli amici ma anche i semplici cittadini in un vero e proprio viaggio nel passato alla scoperta di Giovanni.
Ad aprire la manifestazione ci penseranno l’ex presidente del Consiglio comunale di Settimo Silverio Benedetto e Angelo Storgato, coordinatore quest’ultimo del «Comitato Amici di Giovanni Ossola». A seguire sarà lo storico Silvio Bertotto a tracciarne il profilo legato alle vicende della trasformazione del territorio. Prima di lasciare la parola agli amministratori. A intervenire saranno figure politiche e amministrative di tutto rispetto: nell’ordine gli ex sindaci Tommaso Cravero, Aldo Corgiat, Fabrizio Puppo che saranno sul palco insieme all’attuale sindaca Elena Piastra. Insieme a loro non mancheranno altri nomi noti della politica del nostro territorio. Tra questi compaiono quelli di Andrea Fluttero, ex sindaco di Chivasso e amico di Giovanni Ossola, Antonino Saitta, ex presidente della Provincia di Torino, Ennio Matassi (architetto e urbanista), Aldo Gervasio (ingegnere idraulico) ed Enrico Buemi, ex senatore del Partito Socialista Italiano. Con il moderatore Nino Battaglia, giornalista della Rai, avranno la possibilità di intervenire anche alcuni degli amici più stretti di Giovanni Ossola. A chiudere la mattinata di celebrazioni ci penserà la figlia Pamela Ossola.
Confermata, ancora, la decisione dell’Amministrazione comunale - in seguito al pronunciamento della commissione toponomastica del territorio - di intitolare il Parco Fluviale del Po che collega Settimo a San Mauro proprio alla sua memoria. Un luogo che in qualche modo ricalca e sottolinea quella lungimiranza urbanistica e ambientale che Giovanni Ossola ha sempre dimostrato di avere nei suoi tanti anni di impegno sul territorio. Lo dimostra anche il fatto che, nei giorni scorsi, in occasione del progetto di Corona Verde, la sindaca Elena Piastra abbia voluto citare proprio Giovanni Ossola in questo senso. E, ancora, la stessa prima cittadina, nel corso di un incontro di domenica sera alla Festa del Pd, ha sottolineato «Ho iniziato a conoscere Giovanni Ossola guardando le carte e i progetti di come, tanti anni fa, aveva immaginato la città».