Attualità
L'esperienza

Gli scout di Macerata in gita a Torino per conoscere meglio Don Bosco e la multiculturalità di «Barriera»

Sono stati ospitati all'oratorio Michele Rua

Gli scout di Macerata in gita a Torino per conoscere meglio Don Bosco e la multiculturalità di «Barriera»
Attualità Torino, 14 Settembre 2022 ore 15:36

Gli scout di Macerata in gita a Torino per conoscere meglio Don Bosco e la multiculturalità di «Barriera»

Scout dalle Marche

Dalle Marche a Torino per conoscere Don Bosco e la complessa realtà multiculturale del quartiere Barriera di Milano.  L’oratorio salesiano «Michele Rua» di Torino ha ospitato il gruppo scout «Agesci Macerata 3», proveniente dall’omonimo capoluogo della regione Marche. Quindici ragazzi di età compresa tra i 16 e i 20 anni, accompagnati dai loro responsabili Jacopo, Elena e Cristina sono stati alloggiati presso la foresteria della comunità salesiana, guidata da don Stefano Mondin.

Il viaggio

Il motivo del lungo viaggio, dagli Appennini alle pendici delle Alpi, è da ricercarsi nella volontà di fare una proficua ed utile conoscenza del carisma salesiano nella città piemontese, fulcro del sistema preventivo di San Giovanni Bosco. Ma l'occasione è stata conoscere anche una realtà multiculturale, complessa e certamente difficile come Barriera di Milano. Un caso di studio interessante per i ragazzi.

La visita

Nel corso della visita, attraverso il lavoro quotidiano scandito dalle attività legate al centro estivo e ai cortili dell’oratorio, gli scout hanno potuto osservare gli interventi educativi ed apprendere le metodiche di animazione dell’equipe di lavoro salesiana, che conta di ben cinque educatori professionali: Biagio, Alessandro, Ilaria, Valentina e Dario. Molto soddisfatto il direttore dell’oratorio: «Il tempo trascorso insieme – sottolinea Don Stefano – ha permesso di vivere una bella esperienza di condivisione, con la possibilità di confronto tra territori e contesti di appartenenza molto diversi tra di loro, ma con diversi punti di contatto e un minimo comune denominatore: i bambini e gli adolescenti sono un valore aggiunto in entrambe le esperienze di volontariato verso i minori».
E sono stati proprio gli scout a chiedere di essere accompagnati in un percorso di conoscenza all’interno del complesso e multiculturale territorio della Barriera di Milano, per meglio comprendere le peculiarità e le difficoltà del quartiere periferico di Torino. «Abbiamo appreso molto dalla dedizione al lavoro e dalla disciplina degli scout – sottolinea l’educatore Dario Licari – nella speranza di aver trasmesso in cambio lo spirito e il carisma di Don Bosco, basato nell’educazione dei giovani attraverso l’uso di ragione, religione e amorevolezza. Il tutto condito da un’ampia dose di allegria!». Prima di partire, il gruppo scout »Agesci Macerata 3» ha ricevuto in dono la maglietta rossa del Centenario del «Michele Rua», in ricordo dell’esperienza torinese ed ha invitato i giovani dell’oratorio a far visita, nei prossimi anni, alla struttura scout maceratese per consolidare il rapporto d’amicizia instaurato nelle intense giornate vissute insieme.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter