Intervento

Gassino: recuperata una tartaruga azzannatrice nel giardino di un maneggio

Rettile comune in Nordamerica la cui diffusione in Europa deriva soprattutto da importazioni illegali: ora si trova al Canc, centro animali non convenzionali

Gassino: recuperata una tartaruga azzannatrice nel giardino di un maneggio
Pubblicato:
Aggiornato:

I tecnici faunistici del progetto “Salviamoli insieme on the road” sabato 11 maggio 2024 hanno recuperato una Tartaruga azzannatrice nel giardino di un maneggio di Gassino Torinese.

Gassino: recuperata una tartaruga azzannatrice

Il soggetto è un adulto in discrete condizioni di salute ed ora ricoverato al CANC, il Centro Animali non Convenzionali della Struttura didattica speciale Veterinaria dell'Università di Torino.

Tartaruga azzannatrice_Gassino_12_05_2024_3
Foto 1 di 3
Tartaruga azzannatrice_CANC_12_05_2024_2
Foto 2 di 3
Tartaruga azzannatrice_CANC_12_05_2024_1
Foto 3 di 3

La Tartaruga azzannatrice è un rettile comune in Nordamerica e si ritiene che la sua diffusione in Europa derivi da importazioni illegali: la sua area di diffusione va dal Canada meridionale agli Stati Uniti d'America centrali e orientali e dalle coste atlantiche fino alle Montagne Rocciose.

Predilige acque stagnanti o a corso lento, con un fondo melmoso e ricche di vegetazione. Ha un corpo robusto, il carapace increspato (più evidente negli esemplari giovani) e una lunga coda. L'apparato muscolare è ben sviluppato, in particolare quello del collo, che permette di sferrare abili morsi: una caratteristica che suggerisce di tenersi alla larga dall’animale.

Piccola curiosità che ci vede, seppur indirettamente, coinvolti come testata locale: la tartaruga una volta recuperata è stata adagiata su alcune copie del nostro settimanale La Nuova Periferia.

Cosa fare se si avvistano animali in difficoltà o pericolosi

Per quanto riguarda la fauna selvatica pericolosa o non gestibile dai cittadini, il CANC e la Città metropolitana di Torino hanno stipulato da alcuni anni una convenzione, che prevede l'impegno diretto della Struttura didattica speciale Veterinaria dell'Università di Torino, oltre che del personale della Funzione specializzata tutela fauna e flora della Città Metropolitana, per il servizio “Salviamoli Insieme on the road”. Tale servizio prevede il recupero in campo della fauna selvatica pericolosa o non gestibile dai cittadini.

Il CANC ha sede in largo Braccini 2 a Grugliasco e, come detto, cura il servizio per conto della Città Metropolitana. Il servizio “Salviamoli Insieme on the road” è attivo 24 ore su 24 sulla linea telefonica 349-4163385, a cui rispondono i tecnici faunistici che effettuano i recuperi di ungulati, carnivori pericolosi, rapaci e ofidi.

Al numero 366-6867428 del servizio “Salviamoli Insieme” rispondono invece i veterinari in reperibilità che visitano gli animali selvatici portati al CANC dai privati cittadini. Le segnalazioni di animali selvatici in difficoltà possono anche essere inviate via e-mail all’indirizzo infofauna@cittametropolitana.torino.it

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali