Election day

Europee, regionali e comunali: come si vota

Nel "nostro" territorio sono chiamati a scegliere anche il sindaco nei comuni di Settimo, Gassino, Castiglione, San Raffaele, Sciolze e Cinzano

Europee, regionali e comunali: come si vota
Pubblicato:
Aggiornato:

Le Elezioni Regionali si svolgono contemporaneamente alle Elezioni Europee e alle Elezioni Amministrative. Si vota sabato 8 giugno dalle 15 alle 23 e domenica 9 giugno dalle 7 alle 23.

Come si vota alle Regionali

- L'elettore può votare tracciando un segno sul relativo contrassegno per una lista circoscrizionale e questo si intende espresso anche a favore del candidato Presidente. e alla sua lista regionale (listino).

- L'elettore può votare esprimendo il voto di preferenza a fianco di un contrassegno di una lista circoscrizionale scrivendo il cognome o il nome e cognome in caso di omonimia del candidato, tracciando, o meno un segno sul contrassegno.

- Si possono esprimere una o due preferenze. Se si esprimono due preferenze occorre indicare candidati di genere diverso altrimenti la seconda preferenza viene annullata. Anche in questo caso, il voto si intende espresso per la lista, ma soltanto se il candidato risulta presente in tale lista. Il voto si intende espresso a favore del candidato Presidente e al suo listino.

- L’elettore può votare sia per il candidato Presidente e per il suo listino tracciando un segno sul nome del candidato Presidente prescelto o sul contrassegno della lista regionale, sia per una lista circoscrizionale a lui collegata tracciando un segno sul relativo contrassegno oppure scrivendo il cognome o il nome e cognome in caso di omonimia del candidato prescelto accanto al simbolo della lista circoscrizionale di cui il candidato fa parte.

- L’elettore può votare per il solo candidato Presidente e per la sua lista regionale, senza esprimere alcun voto di lista circoscrizionale, tracciando un segno sul nome del candidato Presidente prescelto o sul contrassegno della lista regionale.

- Il voto disgiunto: l’elettore può votare per un candidato Presidente e per la sua lista regionale, tracciando un segno sul nome del candidato Presidente prescelto o sul contrassegno della lista regionale e scegliere di votare anche per una lista circoscrizionale non collegata al Presidente prescelto, tracciando un segno sul relativo contrassegno e scrivendo il cognome o il nome e cognome (in caso di omonimia) di un candidato della lista circoscrizionale non collegata al Presidente prescelto, oppure tracciando un segno soltanto sul contrassegno della lista circoscrizionale non collegata prescelta. L'elettore può esprimere fino a due preferenze scrivendo il cognome, oppure il nome e cognome di candidati compresi nella lista stessa. Nel caso di identità di cognome tra candidati della stessa lista è necessario sempre scrivere nome e cognome a fianco del contrassegno, a pena di annullamento della preferenza. L'espressione di due preferenze per candidati circoscrizionali appartenenti allo stesso genere comporta l'annullamento della seconda preferenza.

Elezioni Europee

Con le elezioni europee si eleggono i rappresentanti al Parlamento europeo.

L’Italia usa il voto di preferenza, che dà agli elettori la possibilità di indicare, nell’ambito della medesima lista, da una a tre preferenze, votando, nel caso di due o di tre preferenze, candidati di sesso diverso. Determinato il numero dei seggi spettanti alla lista in ciascuna circoscrizione, sono proclamati eletti i candidati con il maggior numero di voti di preferenza.

Regole generali

Per poter esercitare il diritto di voto presso l'ufficio elettorale di sezione nelle cui liste si risulta iscritti, si dovranno esibire un documento di riconoscimento valido e la tessera elettorale.

Nella sede dei seggi elettorali e nei luoghi pubblici indicati dai Sindaci verranno affissi i manifesti con il nomi dei candidati alla Presidenza della Regione con la rispettiva lista regionale (cosiddetto listino) e gli elenchi dei candidati delle liste circoscrizionali.

Le amministrative

Per quanto riguarda il territorio di nostra competenza redazionale, nei comuni di Settimo, Gassino, Castiglione, Sciolze, San Raffaele Cimena e Cinzano, gli elettori si ritroveranno alle urne con tre schede differenti per Europee, Regionali ed Amministrative.

Solo nel caso di Settimo, come previsto per i comuni sopra i 15mila abitanti, in caso di ballottaggio (qualora nessun candidato dovesse ottenere al primo turno la maggioranza assoluta, ndr), si torna alle urne domenica 23 e lunedì 24 giugno.

La scheda è di colore azzurra. Nei comuni con oltre 15.000 abitanti come Settimo, il voto si può esprimere in una delle seguenti modalità.

- L'elettore può votare il solo candidato Sindaco tracciando una croce sul nome e il voto sarà attribuito unicamente a lui o a lei.

- È possibile votare una lista tracciando un segno sul simbolo e il voto si estenderà al candidato Sindaco collegato; oppure tracciare una croce sia sul nome del candidato sindaco che su una delle liste collegate.

- Voto disgiunto: è possibile votare un candidato Sindaco tracciando una croce sul suo nome e cognome e contemporaneamente esprimere una preferenza per una lista o partito a lui o lei non collegata.

- L'elettore può esprimere fino a due preferenze per i candidati Consiglieri della lista votata, purché si mantenga sempre l’alternanza di genere, quindi indicando il cognome oppure il nome e cognome di una donna e di un uomo compresi nella stessa lista. La preferenza va indicata accanto al simbolo della lista contrassegnata, scrivendo a matita il cognome del candidato consigliere. Nel caso di identità di cognome tra candidati della stessa lista è necessario scrivere nome e cognome, a pena di annullamento della preferenza.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali